5 luglio 2014

Pompom popo' piripim piripo'...

Questo post è uno di quelli che non sai se mettergli un titolo, se definirlo 
"di comunicazione/avvisi", se farlo poi rientrare nella Lista dei P.p. (guarda nelle etichette e leggerai tutte le scorse stilate), fatto sta che dopo un mese quasi qualcosa voglio scrivere.

Premessa:
mi ritrovo spesso a pensare a qualche amica (di blog) di cui si sente la mancanza, con cui taccio perchè non so mai che dire, che chiedere, se disturbare nel dubbio...così taccio rischiando di passare per menefreghista, ma sperando nulla di irreparabile l'abbia inglobata e di rivederla tornare come prima.


Titoliamolo:
In attesa...
La lista dei P.p. non ci sarà, quelle poche righe a seguire ne sono un fac-simile e tant'è!
Il resto di quest'estate volitiva vedrà questo blog come in sosta, ma non lo metto mai in vera pausa perchè mi ritrovo poi a voler accogliere sempre i momenti, inattesi e quasi sempre notturni, di vagito inchiostroso.

Sono settimane strane, piene di pensieri, 
di ritorni di persone care nei sogni, 
di imprevisti e pause forzate , di richieste e assenze, di ansie e attese.
Mie ma sommate a quelle di chi mi sta intorno, di chi conosco, di chi amo.
Giorni di una strana calma a tratti... come quella che precede l'arrivo di un acquazzone.
Pomeriggi assolati pieni di chiacchiericcio cicaleccio e soffi di un vento intento a portar via nuvole nomadi.

Dopo giornate senza sosta, godo di momenti ... di attimi di solitudine ricercata in cui fantastico e respingo attimi in cui i pesi si sommano nella mente.
Cerco silenzio ma poi concludo qualche giornata lasciandomi percorrere ogni centimetro dal ritmo e dalle risate provocate sul suo visino.
Un viso che cresce, una piccola donna che viene a farmi compagnia mentre la bambina che è in sè mi saluta giorno dopo giorno. E seppur gradatamente avviene, il mio essere  deve fare ogni volta esercizi di respirazione per rassegnarsi all'evoluzione.

Insieme per un'oretta a commuoverci guardando un bel film, divisi dal rannicchiarsi nei propri mondi.
E ancora di nuovo insieme a salutare il cielo chiaro del giorno, mentre le rondini  svettano nei girotondi serali.
Sarà un'estate intensa, senza vacanze e piena di fatica fisica ed emotiva.
Un'estate che servirà a ricominciare e forse a portarci  laddove ancora non possiamo immaginare. 

Buon luglio...




3 commenti:

Ale ha detto...

Ciao Stefania, mi piace molto quello che hai scritto. Giornate strane anche per me.... Buon mese di luglio e un abbraccione.

RobbyRoby ha detto...

un buon luglio anche a te.

agne77 ha detto...

Ciao Stefania, anche io sto' passando un periodo 'strano' con giornate trascorse senza nessun particolare interesse, ma solo mosse dall'inerzia e dalla sistematicità degli impegni, di lavoro e familiari. Un'estate cosi'...forse sono in una specie di limbo dovuto alla stanchezza che si accumula prima delle tanto attese ferie...ho davvero bisogno di un sano riposo...ma non solo fisico, soprattutto mentale. Un bacio e buon mese di luglio! Agnese

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...